, , , ,

Il Viaggio: chi arriva.

Il Viaggio: chi arriva.

Questa settimana vogliamo parlarvi del viaggio: chi arriva pieno di coraggio, chi parte per missioni umanitarie, chi torna a casa con animo più sereno. Da tutte le parti d’Italia e del mondo vengono bambini con le loro famiglie e alloggiano nelle case messe a disposizione dell’Associazione. Chi arriva non conoscendo la lingua, chi arriva spaesato, chi arriva ricco di speranza e resiste ad ogni difficoltà, chi non si arrende mai e continua a lottare per il futuro del proprio figlio e di chi ama, chi nonostante tutto, vuole vivere. Partono con piccole valigie cariche di speranze, negli animi la tenacia di chi è pronto ad attraversare il mondo per aiutare i figli in difficoltà. Sono giorni, mesi difficili sia per i bambini ricoverati sia per le famiglie che ogni giorno devono affrontare la lontananza da casa e dai propri cari. Accresce nei momenti di fragilità il bisogno di calore, di solidarietà, e il rischio di crollare sotto i colpi della vita è una tremenda minaccia. Nei loro occhi si legge la difficoltà di vivere in un paese dove non si conosce la lingua, dove l’insostenibile peso della routine ospedaliera rischia di far crollare le anime già ferite dalle malattie, ma si legge anche la fiamma di chi non si arrende mai, di chi combatte sfrenatamente giorno dopo giorno. I bambini e le loro famiglie sono un inno alla vita, un grido lanciato attraverso i giorni di chi vuole vivere ad ogni costo nonostante le difficoltà. In questo scenario entra in scena l’Associazione che, grazie alle volontarie e alle iniziative, cerca di alleviare il grande peso che le famiglie portano sulle loro spalle. Riunendo tutti i bambini e le famiglie nella Sala Giochi, si svela davanti ai nostri occhi uno splendido incontro tra culture e usi differenti che ci insegna ogni giorno quanto sia bella la diversità culturale e quanto si possa imparare da ogni persona.