, , ,

Sport, ballo e solidarietà alla festa del 9 aprile al Campo Scuola di via Oliveti

Domenica 9 aprile l’associazione A.s.d. Fiore di Loto di Massa Carrara diretta da Nicola Ricci, maestro di Kung Fu cinese, darà vita ad una spettacolare manifestazione di sport, arti marziali e cultura orientale.

Dalle ore 10 alle 16, presso il Campo Scuola di Via Oliveti (di fianco allo stadio della squadra calcio massese), una schiera di vari maestri di arti marziali, maestri di yoga, insegnanti di difesa personale femminile daranno spettacolo con esibizioni, dimostrazioni, sfide, lezioni.

Ma la festa sarà qualcosa di più, molto di più. L’appuntamento è aperto a tutti gli appassionati di sport e arte in generale ma l’invito riguarda soprattutto i più giovani, bambini e ragazzi ai quali gli organizzatori hanno riservato un’ attenzione speciale.

Sono state predisposte attrazioni di kung-fu panda, gare di ballo, giochi, distribuzione di palloncini ed altre sorprese.

Per la buona riuscita dell’evento l’Asd Fiore di Loto, in collaborazione con il Coni, ha coinvolto tutte le scuole del territorio, ha chiamato a raccolta gli enti sportivi della provincia, ha invitato molte associazioni di volontariato. Insomma ci saranno proprio tutti. Allora sarà grande festa per una giornata di svago e divertimento, all’insegna dell’attività ludica, della pratica sportiva e della solidarietà. Durante la manifestazione, infatti, saranno effettuate alcune raccolte fondi mediante la distribuzione di merendine, iscrizioni alle associazioni sportive e tutto il ricavato sarà devoluto ad Un Cuore Un Mondo.

“Domo arigatou” con inchino rituale al maestro Ricci ed a tutti i suoi magnifici collaboratori.Risultati immagini per kung fu panda

 

, ,

“Il Gelato solidale”

THIS IS A TEST … Un gelato per riscaldare il cuore alla fiera di Tirreno C.T.

 

Carrara Fiere è pronta a ospitare la nuova edizione di Tirreno C.T., la fiera dedicata alle ultime novità nel settore delle forniture per hotels, ristoranti, bar, pasticcerie,
gelaterie, panifici, pizzerie. Dal 19 al 22 febbraio Tirreno C.T. attirerà nel complesso fieristico migliaia di operatori del settore che avranno l’opportunità di incontrare oltre 365 espositori in rappresentanza di oltre 650 marchi commerciali.

Come già accaduto nelle tre edizioni precedenti, Un Cuore Un Mondo sarà presente alla rassegna nello stand dell’Associazione Italiana Gelatieri, su espresso invito del maestro Nicola Pieruccini, presidente del premio “Oscar del gelato”.

Come sempre un corner dello stand sarà dedicato al “gelato della solidarietà”, dove in cambio di una piccola offerta il pubblico potrà degustare gelati dai mille gusti offerti dalle nostre volontarie.
Come già accaduto in passato, ci siamo preparati all’assalto dei numerosissimi visitatori che, attratti dalla bontà del gelato e dalla buona causa, verranno a trovarci al nostro stand.

In quattro giorni distribuiremo gustosissimi coni, succulente coppette, semifreddi e torte gelato per raccogliere piccoli contributi destinati al sostegno delle attività di assistenza di Un Cuore Un Mondo.
Ormai è risaputo il gelato solidale è gradito al palato e riscalda il cuore.

,

LE BEFANE ALL’OSPEDALE DEL CUORE

“La Befana vien di notte con le scarpe tutte rotte” recita un’antica filastrocca.

All’ Ospedale Pasquinucci di Massa quest’anno le cose sono andate diversamente.

Sono giunte ben cinque befane, tutte a cavallo delle tradizionali scope ma calzando moderne e comode sneakers.

Su espresso invito dell’ Associazione, Un Cuore Un Mondo, le care nonnine si sono introdotte nella notte del 5 gennaio nel reparto pediatrico dell’Ospedale del Cuore per rendere felici i bimbi ricoverati.

Come da prassi, le befane sono arrivate provviste di nasoni, scialli e improbabili copricapi guidando un piccolo corteo di volontarie, infermiere, medici e genitori.

Circondate dalla curiosità e meraviglia di bimbi e fanciulli le befane hanno iniziato ad estrarre da sacchi e ceste calze piene di caramelle e dolcetti, accompagnati da rassicuranti sorrisi e carezze.

Dopo qualche esitazione e timore causato dall’aspetto inusuale delle befane, tutti i bambini hanno mostrato di apprezzare molto i doni ricevuti, in attesa di ricevere il dono più bello, quello della loro completa guarigione.